LA DIETA CHETOGENICA: VANTAGGI E SVANTAGGI – PERCHÉ NON È ADATTA A TE

La dieta chetogenica ha destato particolare interesse nell’ultimo periodo.

Si tratta di una dieta a bassissimi carboidrati (meno di 50g al giorno) e ad alti grassi (almeno il 70% delle calorie giornaliere).

Con una dieta chetogenica si verifica uno shift metabolico:

Normalmente il nostro corpo trae energia per compiere tutte le funzioni dal glucosio, ovvero da carboidrati. Nel momento in cui non introduciamo più carboidrati con la dieta, il nostro corpo cercherà una fonte energetica alternativa: i grassi.

Il fegato trasforma dunque i grassi in cosiddetti corpi chetonici (da cui il nome dieta chetogenica), i quali forniscono l’energia necessaria al nostro corpo per compiere tutte le funzioni vitali. Per raggiungere uno stato di chetosi è necessaria circa una settimana. In seguito, il nostro corpo avrà svuotato le sue riserve di glicogeno (carboidrati) contenute nel fegato e nei muscoli e sarà in grado di utilizzare al meglio i grassi come fonte energetica.

Se dunque il corpo utilizza, o “brucia”, i grassi come fonte energetica, significa che sarà più facile perdere grasso corporeo?

Assolutamente no. La perdita di peso è legata ad un deficit calorico, e non al substrato utilizzato per ottenere energia. Se con una dieta chetogenica assumi più calorie con i cibi di quelle che bruci durante la giornata, INGRASSERAI, anche se bruci grassi come fonte energetica.

Il bilancio calorico ha sempre la meglio sugli altri aspetti della dieta.

Quali sono dunque i vantaggi di una dieta chetogenica?

Il più grande e forse unico vantaggio in un’ottica di dimagrimento è il controllo dell’appetito. I grassi vengono assimilati più lentamente dal nostro corpo e ti saziano dunque più a lungo. Promuovono inoltre la produzione di leptina, un ormone che stimola il senso di sazietà.

È una dieta adatta a morfotipi endomorfi con una conformazione ginoide, ovvero che hanno riserve di grasso ostinato intorno ai fianchi, alle cosce e ai glutei. In questo caso, i recettori cellulari sono molto sensibili ai carboidrati. Ridurne dunque la quota potrebbe rivelarsi una strategia vincente. Ridurre, tuttavia, non significa eliminare.

Secondo alcuni studi, la dieta chetogenica potrebbe aiutare a curare malattie neurodegenerative, quali il morbo di Alzheimer e di Parkinson, e ridurre notevolmente le crisi epilettiche in caso di epilessia. Nulla che abbia però a che fare con il controllo del peso e il dimagrimento.

Quali sono invece gli svantaggi della dieta chetogenica?

Soprattutto nei primi giorni potresti sentirti stanca e spossata, senza energie e con frequenti mal di testa. Questo perché il tuo corpo non è ancora abituato ad utilizzare grassi come fonte energetica.

La performance negli sportivi diminuisce, in quanto i corpi chetonici possono essere utilizzati come fonte energetica solo in presenza di ossigeno.

La produzione di ormoni tiroidei cala drasticamente, e conseguentemente il metabolismo subisce un rallentamento notevole. I carboidrati, al contrario, stimolano la produzione di questi ormoni.

L’assunzione giornaliera di fibre è troppo bassa per garantire il benessere della flora intestinale e la salute del sistema immunitario. Le fibre, come forse già saprai, sono contenute nei carboidrati, in particolare in frutta e verdura e cereali integrali.

Quando è consigliabile dunque seguire una dieta chetogenica?

Un approccio interessante è quello di adottare la dieta chetogenica solo in alcune giornate per ridurre l’introito calorico, grazie al potere saziante dei grassi. Assumendo più grassi e pochi carboidrati, risulterà più facile a fine giornata avere un bilancio calorico negativo. Un’altra opzione valida è quella di adottare la strategia di alti grassi e pochi carboidrati quando hai una cena in famiglia o un evento particolare: assumi durante la giornata una buona quota di proteine e placa la fame con dei grassi, per poi goderti il pasto libero senza pensieri e sensi di colpa.

Se non sai quale strategia alimentare adottare, contattami per un’anamnesi gratuita e valutare quali opzioni puoi adottare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *